Consigli per la casa

Aloe: come coltivarla in casa

Sono ormai noti i benefici dell’aloe, una pianta che potremmo definire “miracolosa” e della quale abbiamo imparato ad utilizzare il gel da essa estratto. Fino a qualche tempo fa reperibile in erboristerie e negozi specializzati, oggi il gel di aloe vera si fa notare nei più comuni supermercati, popolare per la sua azione benefica in caso di ustioni e arrossamenti.

2016-08-12 19_46_30-(71) Maria CapograssoIl gel puro può essere inoltre utilizzato per la bellezza della pelle e dei capelli, insomma, sempre meglio averne a portata di mano.

Ciò che non tutti sanno è che il gel puro di aloe che troviamo confezionato sugli scaffali non è altro che il risultato della “spremitura” della pianta. Un processo abbastanza semplice da poter essere eseguito anche in casa.

Come coltivare aloe in casa

Per prima cosa dobbiamo ovviamente procurarci un esemplare di questa pianta. In realtà ne esistono diversi tipi, ma tra le migliori che possiamo trovare in circolazione vi è l’aloe peglerae, che possiamo distinguere dalle altre per la presenza di spine sulle sue foglie.

L’aloe peglerae è ottima per la depurazione dell’aria. Dunque, oltre ad averne una per l’eventuale estrazione del gel, è consigliato posizionare le piante anche nelle camere da letto, in modo da beneficiare maggiormente della sua azione depuratrice.

Cosa ci serve?

Terriccio: da preferire un terriccio umifero ma senza materia organica decomposta. Nel caso in cui non si trovi già pronto all’uso è possibile prepararlo in casa sabbia e terra (un terzo di sabbia, due terzi di terra).

Acqua: l’aloe non necessita di molta acqua, va innaffiata non più di una-due volte a settimana, a seconda delle temperature. In ogni caso è importante che non si tratti di acqua calcarea, come spesso capita essere quella del rubinetto. Se vogliamo utilizzare quest’ultima è necessario farla riposare per alcuni giorni in bottiglia, in modo che il calcare presente si depositi sul fondo.

Clima: l’aloe richiede un clima temperato. Se viviamo al centro o al sud possiamo tenere il vaso con la pianta all’esterno, in modo che possa godere delle lunghe ore di luce. Spostandosi al nord, soprattutto nelle stagioni fredde, è consigliato invece tenere la pianta in casa, possibilmente in una zona luminosa.

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]


Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie su questo sito. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi